Sant’Agostino in Campo Marzio e il capolavoro del Caravaggio

Visita guidata alla scoperta della Basilica di Sant’Agostino con uno dei più noti capolavori del Caravaggio

La Basilica dei Santi Trifone e Agostino si trova nel rione Sant’Eustachio. La costruzione dell’edificio risale al XIV secolo, quando gli agostiniani, che già officiavano la chiesa di San Trifone in Posterula, decisero di costruire una nuova struttura per il loro convento e di dedicarla a Sant’Agostino. La chiesa venne edificata tra la fine del XIV secolo e gli inizi del XV secolo e ultimata intorno al 1420. La nuova costruzione risultò troppo piccola per le esigenze della comunità conventuale e inoltre, essendo posta troppo in basso rispetto al corso del fiume Tevere, soggetta anche alle sue piene. Così, grazie alla munificenza del cardinale Guillaume d’Estouteville, tra il 1479 e il 1483 fu edificata l’attuale basilica, perpendicolarmente all’antica. La facciata, ispirata alla chiesa di Santa Maria Novella di Firenze venne costruita nel 1483 da Jacopo da Pietrasanta, utilizzando il travertino proveniente dal Colosseo. È una delle prime chiese romane costruite nel Rinascimento ed ospita la Madonna di Loreto, detta anche Madonna del Pellegriniuno dei più noti capolavori del Caravaggio che donò l’opera alla chiesa come ringraziamento per l’asilo concesso.


PRENOTA

Note

Si ricorda a ciascun partecipante di portare monete da 2 euro che consentiranno l’illuminazione della Madonna dei Pellegrini del Caravaggio.

Data: Domenica, 26 Marzo, 2023 – 09:30

Costi : 10 euro (comprensivi di visita guidata e auricolari)

Indirizzo:

Appuntamento in Piazza Sant’Agostino davanti la Basilica

MODALITA’ PAGAMENTO: dopo aver effettuato prenotazione, tramite whatsapp al 349 4931121,  si potrà provvedere al pagamento in occasione il giorno della visita.

PER INFORMAZIONI E PRENOTAZIONI RIVOLGERSI A:  Giancarlo Quinto    cell.  349 4931121      (h.   9,00 / 19,00)

Altri Articoli

Articoli

Economia ed Etica

Vincenzo TangorraEconomia ed Etica(Marcianum Press, 2023) Interverranno:Grazia Labate, docente di Economia alla York University, InghilterraTeresa

Leggi articolo »